Omaggio ad Antanas Mockus al Biografilm Festival

Il Biografilm Festival di Bologna rende omaggio al politico, filosofo e matematico colombiano Antanas Mockus con la proiezione di Nijole di Sandro Bozzolo, in anteprima italiana, film sull'artista lituana Nijole Sivickas che ha ispirato l’azione artistico-politica di suo figlio Antanas Mockus, e il film Life Is Sacred di Andreas M. Dalsgaard, sui quattro anni di battaglie per la pace del gruppo guidato da Antanas Mockus che usando mimi, matite, flashmob e costumi da supereroe ha cambiato la storia politica colombiana.

Rettore dell’Università di Bogotà e due volte sindaco della città, Mockus è stato inventore di un nuovo modo di comunicare e fare politica, partendo dai più piccoli problemi ed ottenendo risultati straordinari.

Per risolvere il problema del traffico e degli incidenti stradali, distribuì ai cittadini dei cartelli con un pollice verde alzato e un pollice rosso rivolto verso il basso, da usare per segnalare i buoni e cattivi comportamenti dei loro concittadini. Assunse dei mimi ai semafori che reagivano alle abitudini scorrette di automobilisti e passanti. Girò uno spot in cui faceva la doccia chiudendo l’acqua mentre si insaponava chiedendo a tutti di fare lo stesso, come messaggio in risposta alla grave carenza d’acqua che la città affrontava.

Proibì le armi e fece diminuire violenza, criminalità e omicidi in città con iniziative molto creative; per ridurre la paura e le molestie organizzò le “Notti delle donne”, serate di coprifuoco volontario per gli uomini per permettere alle donne di uscire tranquille.

NIJOLE_05.JPG

NIJOLE al FICCI Cartagena

Nijole_2018.jpg

NIJOLE, il primo lungometraggio di Sandro Bozzolo, scritto con Maria Cecilia Reyes e prodotto tra l'Italia e la Lituania, raggiungerà a Marzo la platea del FICCI di Cartagena de Indias, in anteprima americana nella categoria 'Migración y mestizaje'.

Il film traccia un ritratto di Nijolė Šivickas, enigmatica artista lituana emigrata in Colombia a inizio 1950. Suo figlio Antanas Mockus è l'uomo che ha trasformato la società colombiana con innovativi strumenti di cultura civica, fino a ricoprire un ruolo fondamentale nel Processo di Pace attualmente in corso nel Paese latinoamericano tra il Governo e le FARC. La figura pubblica di Mockus contrasta con il silenzio che aleggia tra le pareti della casa materna. A 92 anni, Nijolė è una donna inquieta che trascorre le sue giornate nel silenzio del suo atelier. Tra Bogotà e la Lituania, il film esplora il profondo vincolo esistenziale che lega Nijolė e Antanas, offrendo un ritratto intimo di una donna straordinaria attraverso gli occhi della sua miglior opera d’arte: suo figlio.

Dopo l’anteprima in Colombia, NIJOLE tornerà in Europa a maggio e sbarcherà in Italia a giugno.
Per tutto il mese di febbraio rimane aperta, al Museo della Ceramica di Mondovì, la mostra 'What Would An Artist Do?', ispirata a questa storia profonda e sconosciuta in Italia.

NIJOLE è una produzione Justamoment / Meibi.


NIJOLE presentato al DOK Leipzig

nest.jpg

Martedì 30 ottobre il lungometraggio NIJOLE è stato presentato, in anteprima mondiale, al 61° DOK Leipzig (Next Masters Competition).

It’s basically a son’s look at a mother whose independence and critical social spirit were his constant inspiration. Sandro Bozzolo and his team approach their protagonists with restraint, adapt the montage to their rhythm and focus on the rooms of their creative work. The son takes his mother by the hand, as does this story of an outer and inner journey with the audience. Which events continue to shape one’s life and which had better be forgotten?

Annina Wettstein

Il progetto è il risultato di un percorso decennale, il frutto di un personale cammino di ricerca intrapreso intorno alla figura di Antanas Mockus.

Prodotto da Dagne Vilziunaite (Justamoment) e Meibi (Max Chicco), con il supporto del Lihtuanian Film Centre e della Film Commission Torino Piemonte, il film arriverà in Italia nei primi mesi del 2019.

In parallelo alla presentazione del film, il 24 novembre verrà inaugurata al Museo della Ceramica di Mondovì, partner del progetto, la mostra WHAT WOULD AN ARTIST DO?

"NIJOLE" sostenuto dalla Piemonte Film Commission

Nijole_End_Editing.jpg

Il documentario NIJOLE, ritratto dell'artista Nijole Sivickas e di suo figlio Antanas Mockus, ha ottenuto il sostegno della Film Commission Piemonte, nell'ambito del Piemonte Doc Film Fund. 

Nel frattempo, il 19 febbraio è terminata a Vilnius la fase di montaggio (editing: Silvia Vilkaite).
Tra marzo e maggio verrà eseguita la musicalizzazione e la post-produzione, con gli artisti Lina Lapelyte e Vytis Puronas. La presentazione del film è prevista per l'autunno 2018.

Baltic Sea Docs - Pitching a Riga

Schermata 2017-09-07 alle 11.34.24.png

In questi giorni, dal 5 al 10 settembre, il progetto di film su Nijolė Šivickas e Antanas Mockus, dal titolo provvisorio YOUR LIFE / MY LIFE, è selezionato al Baltic Sea Docs di Riga (Lettonia) per una sessione di pitching con rappresentanti dell'industria cinematografica europea. Presenti l'autore e la produttrice Dagne Vildziunaite.

Il film si trova attualmente in fase di montaggio, con la preziosa collaborazione di Silvija Woolf, professionista lituana di lunga esperienza.

"Best documentary film project"

Il progetto di documentario dal titolo provvisorio "NIJOLE", che racconterà il cammino esistenziale e artistico di Nijole Sivickas e suo figlio Antanas Mockus, è stato nominato "miglior documentario" al FEST - New Directors New Film Festival 2017. Il soggetto è scritto da Sandro Bozzolo e Maria Cecilia Reyes e il film, finanziato dal Centro di Cinematografia di Vilnius, sarà prodotto dalla lituana Just a moment e dall'italiana Meibi.

Il film ha ottenuto un contributo alla post-produzione presso gli studi ENVY di Londra. I lavori di montaggio inizieranno nel mese di agosto a Vilnius, in Lituania.

Antanas. Radio. Bogotà

Agua del cielo. Il diluvio. Torno a casa e grazie all'amica Lara trovo un link. RadioDue parla di Antanas. Ne parla leggendo direttamente il libro.
Ma "Casa" questa sera è l'atelier di Nijole.
E Nijole è la madre di Antanas.

Qué bonita es Bogotà
de la América es la Atena
la sangre que va en tus venas
es lo que te hace marchar
en busca de nuevas formas.
Tu eres bella, Bogotà.

 

E' una storia senza fine. Si riaggancia a qualche giorno prima, quando uno sconosciuto dal Belgio scriveva per "iniziare una conversazione su Antanas Mockus". Si chiedeva perché la classe politica europea non fosse a conoscenza di questo personaggio, che secondo lui potrebbe garantire una potente alternativa alla crisi politica del viejo continente.

"Il buon cittadino, secondo Antanas Mockus, costruisce relazioni e partecipa ad attività collettive. Il suo ruolo non si limita quindi all'esercizio dei diritti e dei doveri politici, ma implica relazioni spesso contraddittorie e conflittuali, nei più svariati livelli della quotidianità".

Ed era una domanda giusta. Perché i liberali, i progressisti, i Verdi europei non conoscono l'azione di Mockus?
Perché probabilmente ha il sapore di un segreto. Un po' come questa notte, in casa di Nijole, Scende acqua dal cielo, e tutto questo esiste. L'ha detto la radio.