Regista tra città e montagna

Sandro Bozzolo, classe 1986, è il regista del film vincitore del Premio “Torino e le Alpi” all’edizione 2015 diCinemAmbiente, la sezione del 18°Environmental Film Festival sostenuta dalla Compagnia di San Paolo per mantenere viva l’attenzione sui temi delle Terre Alte.

L’occhio attento di Bozzolo, allenato anche dal dottorato in “Migrazioni e processi interculturali” che sta concludendo all’Università di Genova, restituisce un documentario sui “masai” – siano essi africani oppure italiani – inseguendo i confini dello stereotipo e ricercando l’essenza di un popolo nomade, di fiera saggezza.

Leggi l'articolo completo.

Foto di Nanni Villani

Viola vox mundi

"Il lavoro? Un'attività indipendente e libera: autori di documentari di carattere sociale, e non soltanto dedicati al Piemonte e in Italia". 

Dopo l'università a Genova e le prime esperienze lavorative in giro per il mondo, hanno ripreso a vivere nel loro paese d'origine. Viola, in Valle Mongia, poco più di 400 anime: "La Valle Mongia rimane per noi un territorio importante. qui, nel 2011, abbiamo costituito l'Ass. Cult. Geronimo Carbonò, per mettere in comunicazione mondi differenti, che sembrano lontani, ma sono in realtà molto vicini".

"Dopo Autunno Viola, rivolto alla fine del mondo contadino in Valle Mongia, il primo doc realizzato all'estero è stato Amazonia 2.0. Attualmente stiamo lavorando a un film documentario sul tema della migrazione interna nei Paesi dell'UE, sotto l'egida del progetto ReTurn Central Europe, con l'Uncem di Cuneo, partner dell'iniziativa. 

Articolo a firma Emmanuele Bo apparso su La Stampa, 12 XII 012.